L’Etna in eruzione conquista la NASA

Quando si parla dell’Etna si definisce sempre come il vulcano attivo più alto d’Europa, infatti sono davvero frequenti le volte in cui con le sue attività crea immagini e scenari di unica bellezza, che incantano e lasciano chiunque senza fiato davanti alla maestosa e irruenta forza della natura, come sta accadendo in questi giorni.

L’Etna è in eruzione e tutto il mondo sta guardando, tramite le moltissime riprese fatte, lo scenario incredibile a cui ha dato vita. Così l’immagine dell’Etna in web cam diventa una delle ricerche più effettuate in tutto il mondo.

Un altro aggettivo con cui questo vulcano, simbolo della Sicilia, viene spesso definito è ‘Gigante buono’ e nel 2021, con l’eruzione più forte degli ultimi 13 anni, ha dimostrato ancora una volta di esserlo davvero non creando particolari danni, se non la breve chiusura dell’aeroporto di Catania.

La recente attività esplosiva ha creato un muro alto chilometri di lava fuoriuscita dal cratere di Sud-Est. Da Taormina si vedeva perfettamente questo fuoco ardente schizzare nel cielo colorato da mille sfumature di rosso, chiunque abbia avuto la fortuna di vederlo, siamo sicuri sia rimasto incantato ad osservarlo per un po’.

Era difficile distogliere lo sguardo da quell’immagine così bella e paurosa, e che ha reso l’Etna adesso la regina in tutti i siti di news del pianeta. Perfino la NASA le dedica l’Astronomy Picture of the Day (l’immagine astronomica del giorno) che ritrae il vulcano immortalato da uno scatto di Giuseppe Vella, fotografo siciliano.

Rainews riporta le parole dello scrittore che ha raccontato come è nato quello scatto che lo rende orgoglioso di essere stato pubblicato e citato dalla NASA:

Monitoravo da tanto l’Etna per assistere ad un bel parossismo e ad un tratto, verso le 9 di sera, è iniziata una leggera attività sul vulcano. Senza pensarci troppo ho affrontato un viaggio di 300 km per assistere a questo spettacolo.Purtroppo giunto a destinazione la notte tra il 16 e il 17 febbraio l’attività era terminata, ma continuava a regalare emozioni con la sua lava ben visibile. Di corsa ho preso l’attrezzatura e ho iniziato a scattare. Una sera molto gelida, un cielo spettacolare e le meteore hanno fatto il resto per creare questa immagine https://www.rainews.it/dl/rainews/media/L-Etna-non-si-ferma-colonna-eruttiva-alta-12-chilometri-e-le-sue-foto-stregano-anche-la-NASA-1d0e27c9-57bd-47f5-b42a-7fc6417ddb3b.html

Monitoravo da tanto l’Etna per assistere ad un bel parossismo e ad un tratto, verso le 9 di sera, è iniziata una leggera attività sul vulcano. Senza pensarci troppo ho affrontato un viaggio di 300 km per assistere a questo spettacolo.

Purtroppo giunto a destinazione la notte tra il 16 e il 17 febbraio l’attività era terminata, ma continuava a regalare emozioni con la sua lava ben visibile. Di corsa ho preso l’attrezzatura e ho iniziato a scattare. Una sera molto gelida, un cielo spettacolare e le meteore hanno fatto il resto per creare questa immagine

Come riporta l’Agi, sotto la foto della NASA si può leggere:

“L’Etna è in eruzione da centinaia di migliaia di anni. Situato in Sicilia, il vulcano produce fontane di lava alte oltre un chilometro”.

Non è solo uno dei vulcani più attivi dell’Europa, “è uno dei più grandi, misura oltre 50 chilometri alla sua base e si innalza per quasi 3 chilometri di altezza.

Nella foto in eruzione il mese scorso, un pennacchio di lava si eleva verso l’alto, mentre la lava scorre verso l’esterno del vulcano.

Probabili tracce satellitari appaiono sopra, mentre antiche stelle punteggiano il cielo in lontananza. Questa eruzione vulcanica è stata così forte che gli aeroporti vicini sono stati chiusi per impedire agli aerei di volare attraverso il pericoloso pennacchio”.

(https://www.agi.it/cronaca/news/2021-03-03/foto-etna-strega-nasa-11619109/)

Uno spettacolo irresistibile anche se i pistilli e la cenere hanno creato non poco fastidio a tutti i paesi limitrofi e anche a quelli distanti chilometri dal luogo.

Nonostante tutto, molti di loro hanno voluto dedicare al vulcano un pensiero creando con fantasia diversi scatti. Eccone uno pubblicato su Facebook dopo il settimo parossismo di ‘sua maestà’, come si legge nella didascalia della foto.

 

Torna su
Open chat
1
Can we help you? Chat with us
Hi, Do you need more information?